Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Investindustrial punta mezzo miliardo su La Doria

La famiglia Ferraioli ha deciso di cedere il colosso delle conserve

Dopo le indiscrezioni circolate venerdi (vedi articolo di EFA News del 24/9/2021) arriva la conferma: la famiglia Ferraioli vende La Doria e il potenziale acquirente è la holding Investindustrial di Andrea Bonomi. Il Consiglio di Amministrazione di La Doria S.p.A. ha reso noto stamattina di essere stato informato dai soci riuniti nel patto di sindacato che ricomprende una partecipazione nella Società pari al 63% del capitale, che sono in corso trattative con Investindustrial Investment Holdings S.àr.l. per la vendita dell'intero pacchetto di maggioranza, per poi procedere al lancio di un'Opa finalizzata al delisting della società di Angri (Salerno), quotata la segmento Star di Borsa italiana. 

Il corrispettivo della vendita è stato determinato in funzione di una valorizzazione delle azioni La Doria di Euro 16,50 ciascuna, che rappresenta un investimento di circa 360 milioni di euro. Ai quali vanno aggiunte le risorse per rastrellare il restante capitale sul mercato. La Doria attualmente capitalizza circa 580 milioni di euro, a fronte di un fatturato 2020 di 848 milioni, che ne fanno, secondo fonte aziendale, il primo produttore Europeo di legumi conservati, di pelati e polpa di pomodoro nel canale retail e tra i principali produttori italiani di succhi e bevande di frutta. Inoltre la società è anche il primo produttore in Europa di sughi pronti a marchio del distributore (private labels).

E' stata concessa a Investindustrial un'esclusiva fino al 20 ottobre, "data entro la quale si prevede la sottoscrizione degli accordi di natura vincolante relativamente all'operazione".

La holding di Bonomi è già attiva nel settore alimentare, con partecipazioni in Della Toffola (macchine per bevande), Csm Ingrediens, Italcanditi, Comprital (ingredienti e semilavorati per la gelateria e pasticceria artigianale). Inoltre ha da poco rilevato il controllo di Guala Closures, uno dei principali produttori di tappi e chiusure per vino e bevande.

Il titolo di La Doria venerdì aveva chiuso in forte rialzo, a 19,44 euro per azione, sull'onda delle indiscrezioni sull'operazione pubblicate da Milano Finanza. Oggi il titolo è crollato, allineandosi al prezzo dei 16,50 euro per azione.

agu - 21153

EFA News - European Food Agency
Collegate
Simili