Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Convenzione di Stresa: 70 anni di denominazione d’origine

Anniversario celebrato nel simposio dell'associazione dei formaggi Dop e Igp

Si è svolto questa mattina, nella sede dell’ex monastero di Astino, a Bergamo, il convegno organizzato da Afidop (Associazione dei formaggi Dop e Igp) dal titolo “1951 – Convenzione di Stresa: 70 anni di Denominazione d’Origine”. Il convegno ha aperto i lavori della manifestazione “Forme Future – Antichi saperi e nuove conoscenze”, occasione e tema ideali per celebrare un atto fondamentale della storia delle indicazioni geografiche e guadare al futuro di questo importante settore.

Il primo giugno 1951, giorno della storica firma della convenzione di Stresa, rappresenta ancora oggi un momento cruciale per la tutela delle indicazioni geografiche. Quel giorno, i governi di Austria, Danimarca, Francia, Italia, Norvegia, Scozia e Svizzera definirono un approccio comune per la tutela delle denominazioni di origine dei prodotti caseari. Il primo passo verso la tutela internazionale dei formaggi Dop e Igp quelli che per l'Italia oggi sono ambasciatori del made in Italy nel mondo.

L'incontro è stata anche l'occasione per approfondire il lavoro svolto dai consorzi di tutela a favore dello sviluppo delle rispettive filiere produttive. Alla tavola rotonda sono intervenuti Renato Zaghini, presidente del Consorzio tutela Grana Padano, Domenico Raimondo, presidente del Consorzio Mbc, Riccardo Deserti, direttore del Consorzio tutela Parmigiano Reggiano, Gianni Maoddi, presidente del Consorzio tutela Pecorino Romano. 

Il presidente Afidop Auricchio ha commentato: "essere sostenitori del comparto Dop e Igp non vuol dire essere sostenitori di produzioni immutate nel tempo e nelle tradizioni. Vuol dire essere in grado di difendere e tramandare un sapere caseario rispondendo alle sfide che il tempo ci presenta". È di questo che hanno parlato le organizzazioni per stimolare il dibattito sul futuro delle indicazioni geografiche. Si è aperta una stagione di grandi cambiamenti per il settore agroalimentare e per il sistema Dop in particolare. A Bruxelles si ragiona sulla profonda riforma della politica di qualità, oltre a definire i dettagli della strategia From Farm to Fork e della nuova Pac. In questo contesto, le organizzazioni coinvolte, Assolatte, Confcooperative Fedagripesca, Comitato Italiano Fil Idf e Origin Italia, hanno richiamato ad un approccio di sistema alle prossime sfide, così da preservare gli interessi del settore alimentare italiano e contribuire a una forte valorizzazione dei nostri prodotti.

hef - 21599

EFA News - European Food Agency
Collegate
Simili