Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Pubblicità ingannevole: Iap punisce PromoPharma

Lo spot sulla Lattoferrina attribuisce al prodotto pubblicizzato proprietà ed effetti ad esso non riconosciuti

Il Comitato di controllo dell'Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria ha comminato il 4 marzo una ingiunzione alla PromoPharma (società produttrice di integratori alimentari) per comunicazione commerciale ingannevole (art. 2 del Codice di autodisciplina).

Il messaggio relativo all’integratore Lattoferrina 200 Immuno attribuisce al prodotto proprietà ed effetti ad esso non riconosciuti, posto che allo stato non è stata riconosciuta alcuna azione di difesa dell’organismo e di specifico intervento sul sistema immunitario della Lattoferrina.

Il Presidente del Comitato di Controllo, visto il telecomunicato “Stanchezza di stagione?” relativo a ‘Lattoferrina 200 Immuno’ diffuso sulle reti RAI nel mese di febbraio 2022, ritiene lo stesso manifestamente contrario agli artt. 2 – Comunicazione commerciale ingannevole- e 23bis – Integratori alimentari e prodotti dietetici – del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale, in quanto attribuisce al prodotto pubblicizzato proprietà ed effetti ad esso non riconosciuti.

Il messaggio suggerisce l’utilizzo dell’integratore quale aiuto per “il sistema immunitario” al manifestarsi della “stanchezza di stagione”, situazione soggettiva di astenia talora associata alle variazioni climatiche che si succedono nel corso dell’anno.

Tenuto tuttavia in considerazione quanto emerso in una recente decisione del Giurì, pron. n. 18/2021, non risulta allo stato che alla Lattoferrina sia stata riconosciuta dalle Autorità competenti alcuna azione di difesa dell’organismo e di specifico intervento sul sistema immunitario, claim che quindi non essendo dimostrato non può essere utilizzato in pubblicità. Analogamente, non risulta che ad alcun componente del prodotto sia riconosciuta un’azione sulla “stanchezza”, il cui controllo a sua volta non può di conseguenza essere citato come un possibile obiettivo dell’uso dell’integratore pubblicizzato.

red - 24281

EFA News - European Food Agency
Simili