Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Brucellosi: operativo il piano della regione Campania

Assessore Caputo: "Ora basta tensioni. Il piano recepisce le indicazioni degli operatori"

Il piano della regione Campania per eradicare la brucellosi, malattia che colpisce la bufale, presente con vari focolai nella provincia di Caserta (unica zona italiana) è pienamente operativo e l'assessorato all'agricoltura ne ha ricordato le linee fondamentali.

In particolare, ecco cosa prevede il Piano regionale per eradicare la tubercolosi e la brucellosi:

1) Vaccinazione obbligatoria per i capi tra i 6 e i 9 mesi solo nelle aziende ufficialmente indenni nell'area cluster; facoltativa nei comuni cuscinetto. 

• La vaccinazione è obbligatoria anche nelle aziende dove il focolaio è stato estinto, ossia quando è effettuato l’ultimo controllo per la chiusura del focolaio stesso e non solo nelle aziende in possesso della qualifica sanitaria di Indenne da Brucellosi;

• la vaccinazione nei comuni cluster e nelle aree cluster non può essere facoltativa in quanto provocherebbe dei “vuoti immunitari” sul territorio e non garantirebbe la protezione dell’intera area sottoposta a profilassi vaccinale (Reg UE 429/2016 e Atti Delegati)

• la vaccinazione negli adulti non può essere consentita in quanto gli animali vaccinati diventerebbero portatori di Brucella RB51 e gli stessi costituirebbero fonte di eliminazione con gli escreti e secreti in maniera intermittente. Inoltre, sono documentati gli aborti da ceppo vaccinale (la bibliografia a riguardo è particolarmente consistente).

 2) Autocontrollo

• L’autocontrollo non prevede prove ufficiali che possono essere eseguite solo dall’Autorità Competente e quindi dai Servizi Veterinari delle AA.SS.LL.; di contro, in autocontrollo, possono essere eseguiti gli esami su latte mediante ELISA, sia di massa che su singolo capo, ogni qual volta il veterinario aziendale lo ritenga necessario; è fatta eccezione per i tori e per le manze prima del parto a cui può essere prelevato il siero unitamente al Veterinario Ufficiale, con destinazione dei sieri all’IZSM.

• le analisi in autocontrollo saranno eseguite dalle diverse sedi dell’Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno.

L’assessore all’Agricoltura della Regione Campania, Nicola Caputo, ha spiegato che “il Piano varato dalla Regione Campania per eradicare la tubercolosi e la brucellosi è stato discusso a più riprese con i rappresentanti degli allevatori nei vari incontri svolti presso gli uffici regionali e le aziende. Il piano è stato condiviso con il Ministero della Salute ed è stato integrato con le osservazioni del Centro di Referenza Nazionale per le brucellosi di Teramo, per arrivare ad una formulazione che, partendo dalle indicazioni fornite dalle autorità sanitarie e scientifiche, tiene in conto anche delle esigenze segnalate dal territorio. Il Piano, dunque, è il frutto di un lungo lavoro di analisi tecnica e normativa, e di un'azione continua di condivisione sia con gli operatori del settore che con le associazioni di categoria".

red - 24288

EFA News - European Food Agency
Collegate
Simili