Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Australia: cresce il settore delle birre artigianali

Del 15/20% l'anno, a scapito dei birrifici tradizionali come Coopers Brewery

Coopers Brewery è il più grande birrificio di propèrietà australiano. L'impresa ha subito il suo primo calo annuale dei volumi di vendita di birra in 24 anni, mentre le vendite dei birrai artigianali più piccoli stanno crescendo stando ai dati registrati nel Nuovo Galles del Sud, nel Queensland e nello Stato di Victoria. Il suo utile prima delle imposte  2017-18 è stato di $ 34,3 milioni, rispetto ai $ 33,4 milioni dell'anno precedente. L'utile netto al netto delle imposte è stato di $ 23,9 milioni rispetto ai $ 20,8 milioni dell'anno precedente. Secondo gli ultimi dati invece le sue vendite complessive di birra sono diminuite del 9,1%: si tratta del primo calo verificatosi dal 1993.  Un fenomeno che secondo quanto riporta oggi Ice da Sydney riguarda tutti i produttori di birra tradizionali australiani, che si trovano in circostanze simili. I consumatori si stanno spostando sempre più verso i birrai artigianali più piccoli.

 L'industria della birra artigianale in Australia ha un valore stimato di 740 milioni di dollari annui e cresce ad un ritmo del 15/20% all'anno, mentre le vendite dei birra tradizionali stanno dunque retrocedendo. 

SaM - 5547

EFA News - European Food Agency
Simili