Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

La Cina azzera i dazi dei vini australiani

Previsto dall'Accordo di libero scambio di due paesi

Si prevede che le esportazioni di vino australiano verso la Cina vedranno una crescita sostanziale quest'anno

Si prevede che le esportazioni di vino australiano verso la Cina vedranno una crescita sostanziale quest'anno, dopo che il principale mercato di esportazione ha ridotto a zero le tariffe di importazione dal 1° gennaio, come previsto dall'Accordo di libero scambio tra i due paesi. Per i vini francesi e gli altri vini importatiaesta invece la tassa di importazione del 14%. L'Australia è attualmente la seconda maggiore fonte cinese di vini imbottigliati importati con un valore delle esportazioni di oltre 682 milioni di dollari nel 2017, dietro i 1,05 miliardi di dollari della Francia, secondo i dati doganali cinesi. L'accordo di libero scambio firmato dai due paesi nel 2015 ha visto la Cina ridurre gradualmente le tariffe sui vini australiani di anno in anno con il conseguente boom di esportazioni australiane verso il paese. Nel 2017, la Cina ha superato il Regno Unito come più importante mercato di esportazione del vino australiano, e negli ultimi 12 mesi terminati a marzo dello scorso anno, le esportazioni australiane di vino in Cina, tra cui Hong Kong e Macao, hanno totalizzato 1,04 miliardi di dollari australiani (640 milioni di euro circa). La vicinanza tra i due paesi è diventata ancora più forte, sostenuta dal boom del turismo del vino e dagli investimenti cinesi nei vigneti australiani. La crescente popolarità dei vini australiani ha, infatti, generato un boom dell'industria del turismo enologico in Australia, secondo AAT Kings, un tour operator leader in Australia e Nuova Zelanda. Nel frattempo, le cantine australiane sembrano essere diventate l'ultima favorita per gli investitori cinesi sul Bordeaux. Dalle principali cantine cinesi Changyu Pioneers agli investitori privati, i cinesi dovrebbero possedere fino al 10% dei vigneti nella Barossa Valley, come riportato da Drink Business.

mtm - 5956

EFA News - European Food Agency
Simili