Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Godiva cede asset asiatici per oltre un miliardo di dollari

Il fondo di pe sudcoreano MBK ha rilevato tutte le attività in Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda

La storica azienda di cioccolato belga è oggi di proprietà della turca Yildiz Holding.

Ancora grandi manovre nel mondo dei produttori di cioccolato e del confectionery, e di nuovo un gruppo turco sotto i riflettori. Godiva Chocolatier, azienda belga icona del cioccolato mondiale, ma controllata dalla turca Yildiz Holding, ha venduto tutte le attività nella regione Asia-Pacifico al fondo di private equity sudcoreano MBK Partners che acquisterà le attività di vendita al dettaglio e distribuzione in Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda. Oltre ai prodotti confezionati di consumo, la vendita comprende le attività di e-commerce, i locali negli aeroporti e stazioni (per Giappone e Corea del Sud) e oltre 300 negozi al dettaglio. 

Questi asset generano circa 360 milioni di dollari di vendite annuali, di cui oltre  il 90% riferito al Giappone. Secondo i media sudcoreani, l'operazione ha un valore di oltre un miliardo di dollari. Ma per Bloomberg il valore della vendita potrebbe aggirarsi intorno a 1,5 miliardi dollari.

Godiva, che fa parte della divisione Pladis di Yildiz dal 2007, continuerà a rifornirsi di prodotti dalla struttura belga, insieme all'impianto produttivo che possiede in Pennsylvania e alle sue strutture affiliate a Istanbul, in Turchia.

Yildiz ha deciso di vendere questi asset per alleggerire il fardello del debito della holding, gravato da importanti investimenti per altre acquisizioni. All'asta hanno partecipato importanti operatori mondiali del private equity, come Baring Private Equity Asia, CVC Capital Partners e Marunouchi Capital.

agu - 6617

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili