Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Iniziata la Settimana mondiale per la riduzione del consumo di sale

4-10 marzo la Salt Awareness Week: "Più Salute con meno sale e meno zuccheri”/Allegati

La Settimana Mondiale per la Riduzione del Consumo di Sale ricorre quest'anno tra il 4 e il 10 marzo: all'appuntamento promosso per l'undicesimo anno dal Wash (World Action on Salt&Health) aderiscono come sempre la Società italiana di nutrizione umana (Sinu), il Gruppo Intersocietario Meno Sale Più Salute e il Programma Guadagnare Salute. La campagna quest'anno affianca all'invito alla moderazione dell'apporto di sale, l'analogo invito a ridurre il consumo di zuccheri aggiunti a molti alimenti e bevande consumati al ristorante, al bar o acquistati al supermercato. I materiali prodotti, come ogni anno, saranno diffusi grazie alla collaborazione dei Referenti Regionali e dei Soci Collettivi Snu, in particolare le Aziende di Ristorazione Collettiva.  

"Riduce la pressione arteriosa, migliora lo stato di benessere e previene i problemi al sistema cardiovascolare, come l’ictus cerebrale, l’infarto e lo scompenso cardiaco. Sono questi alcuni dei benefici che la riduzione, anche solo moderata, del consumo di sale apporta alla salute dell’uomo", sottolinea Sodex Italia, società che aderisce anch'essa all'iniziativa. “Abbiamo deciso di aderire alla Settimana Mondiale per la riduzione del consumo di sale proprio perché siamo perfettamente consci dell’importanza che ricopre la sensibilizzazione sulla riduzione del consumo di sale e zucchero sulle nostre tavole a beneficio della nostra salute – spiega Raffaele Dell’Acqua, direttore Qualità e Sicurezza dell'impresa-. In quanto operatori della ristorazione collettiva, abbiamo un’importante responsabilità nei confronti dei nostri commensali e del loro benessere. Non si tratta solo di adottare buone pratiche in cucina, ma di farci portavoce di sane abitudini alimentari, adottandole in prima persona e condividendole ogni giorno sul lavoro come a casa”.

Ma non è tutto. Dato che l’abuso di sale non è la sola manifestazione della “malnutrizione per eccesso” che contraddistingue i tempi moderni e che ha condotto alla sempre più preoccupante diffusione dell’obesità e, al seguito di questa, di ipertensione e diabete, i principali fattori di rischio cardiovascolare, quest’anno la campagna promuove inoltre l’invito a ridurre il consumo di zuccheri aggiunti a molti alimenti e bevande consumati al ristorante, al bar o acquistati al supermercato. Le linee guida della campagna prevedono comportamenti raccomandati per vivere meglio e non danneggiare la propria salute, ridurre la quantità di sale e di zuccheri aggiunti in cucina e a tavola, controllare il contenuto di sale e di zuccheri nell’etichetta nutrizionale e preferire gli alimenti meno ricchi di sale e di zuccheri aggiunti, per abituarsi gradualmente ad un gusto meno dolce e meno salato eventualmente usando aromi e spezie secondo la propria preferenza.

Allegati in basso a questa EFA News, "Etichettatura degli alimenti e sale: gli aspetti normativi", e "Dieci semplici consigli per ridurre il consumo di sale nei pasti fuori casa". 


Allegati
CTim - 6751

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili