Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Fonterra ridurrà la partecipazione nella cinese Beingmate

Ha intenzione di vendere una parte della sua quota del 18,8%

Fonterra ha annunciato l'intenzione di vendere una parte della sua quota del 18,8% nel produttore cinese di latte artificiale Beingmate.

Fonterra ha annunciato l'intenzione di vendere una parte della sua quota del 18,8% nel produttore cinese di latte artificiale Beingmate. La cooperativa lattiero-casearia ha dichiarato che scaricherà parte della sua partecipazione alla Borsa di Shenzhen, anche se non ha specificato quanto venderà. Miles Hurrell, che è stato nominato amministratore delegato permanente di Fonterra a marzo, ha affermato che la decisione fa parte di un piano in tre punti per convertire l'attività. Per l'intero anno conclusosi a luglio 2018, Fonterra ha registrato una perdita netta di 196 milioni di dollari neozelandesi (112,6 milioni di euro), la sua prima perdita annuale dal suo inizio nel 2001. I risultati hanno spinto l'azienda a svolgere un'importante revisione finanziaria. Da allora ha venduto la sua attività di gelateria Tip Top e la divisione zootecnica Farm Source e ha raggiunto un accordo con Beingmate per sciogliere la loro joint venture a Darnum, in Australia. "Abbiamo rivalutato tutti gli investimenti, le risorse principali e le partnership per garantire che soddisfino ancora oggi le esigenze della cooperativa", ha affermato Hurrell. “Questo è iniziato con una revisione strategica della nostra relazione con Beingmate, che è stata deludente. La prima azione è stata quella di riportare la distribuzione del latte Anmum in Cina sotto la nostra direzione. Abbiamo quindi concluso la joint venture a Darnum con Beingmate, riacquistato la quota di Beingmate della nostra struttura in Australia e stipulato un accordo pluriennale con Beingmate per l'acquisto di ingredienti da noi. Ciò che rimane è la nostra partecipazione in Beingmate Baby & Child Food Co, che ora consideriamo solo un investimento finanziario. Abbiamo parlato con le parti in merito alla potenziale vendita dell'intera nostra partecipazione in Beingmate, ma finora non abbiamo avuto successo nel trovare un acquirente. Di conseguenza, stiamo prendendo in considerazione la vendita di parte della nostra partecipazione e, come richiesto dalle regole di quotazione locali, è necessario annunciare anticipatamente la nostra intenzione". Secondo le regole del mercato azionario di Shenzhen è possibile vendere fino all'1% solo ogni 90 giorni direttamente in borsa, oppure vendere fino al 2% in un unico blocco ogni 90 giorni. Le transazioni superiori al 5% possono essere fatte a una singola parte in una transazione fuori mercato. "Si tratta di prendere decisioni pragmatiche per ottenere il miglior risultato per la cooperativa dalla nostra partecipazione in Beingmate", ha aggiunto Hurrell. “La Cina sarà sempre uno dei nostri mercati più importanti. Abbiamo un business forte lì e siamo ancora molto concentrati sulle aree dove possiamo avere successo".

mtm - 8630

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili