Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Pizza Hut punta su take-away e delivery

Chiuderà oltre 400 pizzerie non redditizie negli Usa

Pizza Hut ha in programma una rivoluzione per i punti vendita negli Stati Uniti nei prossimi anni, spingendo gli operatori a chiudere ristoranti meno redditizi e poco performanti e sostituirli con unità di consegna più nuove ed economiche. "Abbiamo molti locali che sono stati costruiti nel posto giusto quando sono stati aperti 30 o 40 anni fa", ha dichiarato David Gibbs, direttore operativo della holding Yum Brands che controlla Pizza Hut, in occasione della call con gli analisti per presentare i numeri della trimestrale. “Ma oggi non sono nel posto giusto per un asset di consegna moderno. Se riusciamo a chiudere quei negozi e metterli nella giusta area commerciale per la consegna, ovviamente ci saranno vantaggi per le vendite e una migliore economia per l'affiliato, più vendite di sistema e un'immagine migliore per i nostri clienti". 

La strategia comporterà la chiusura di oltre 400 locali locali in tutto il paese, trasformandoli in pizzerie da asporto attrezzate anche per la consegna a domicilio.

agu - 8674

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili

RistorazioneFipe. Rapporto ristorazione 2019: tutti i numeri del settore

Intraprendenza, qualità, sostenibilità: così il comparto batte la crisi

Cresce il numero delle imprese della ristorazione rispetto a un anno fa: 336mila di cui quasi una su tre gestita da donne e l'11,6% da cittadini stranieri. L'elevato turnover resta un'emergenza. In aumento anche la spesa delle famiglie, +0,7% in termini reali, che si assesta sugli 86 miliardi di euro nel 2019. Un trend che si rafforza sul lungo periodo: in 10 anni la spesa degli italiani per mangiare fuori è aumentata di 4,9 miliardi mente quella in casa si è ridotta di 8,6 miliardi di euro nello stesso periodo di tempo. In impennata anche l'occupazione: nella ristorazione lavorano 1,2 milioni di addetti di cui il 52% donne e in maggioranza giovani. In 10 anni la crescita è stata del 20% continua