Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Callipo sostiene il reinserimento sociale dei carcerati

Sono sette i detenuti assunti a Vibo Valentia

Si rinnova per il quarto anno consecutivo il progetto di collaborazione tra l’azienda di conserve ittiche e il penitenziario di Vibo Valentia che prevede l’assunzione di sette detenuti per il confezionamento di 11.000 idee regalo natalizie.

È partito anche quest’anno l’importante progetto che Callipo, azienda calabrese con una storia di 106 anni nelle conserve ittiche di qualità, realizza con la casa circondariale di Vibo Valentia e che prevede l’assunzione di sette detenuti da parte dell’azienda. Il lavoro e la formazione entrano in carcere, per il quarto anno consecutivo, con Callipo che affida ai detenuti il confezionamento di 11.000 cassette regalo, contenenti una selezione di pregiati prodotti dell’azienda, che saranno messi in vendita per le festività natalizie. Il percorso lavorativo prevede l’affiancamento da parte del personale esperto di Callipo per trasferire ai detenuti-lavoratori, oltre alle tecniche di confezionamento, anche lo spirito e i valori dell'azienda. Il connubio lavoro–formazione vuole essere un segnale positivo per far sentire i detenuti coinvolti come parte integrante dell’azienda, lavorando insieme ai dipendenti in un’area del penitenziario adibita a questo progetto. 

Un’iniziativa con una forte valenza sociale che vuole offrire una seconda opportunità e la speranza per i detenuti di guardare al futuro dopo la conclusione della pena. "Sono particolarmente grata all'imprenditore Callipo per la particolare attenzione manifestata anche quest'anno verso questa struttura confermando l'assunzione di 7 detenuti. Il suo impegno spero che sia di esempio anche per altri imprenditori che possano considerare l'istituto penitenziario come opportunità concreta anche per le loro attività, dando maggiori possibilità ai detenuti della struttura" dichiara la dottoressa Angela Marcello, direttore del Penitenziario di Vibo Valentia. “Si tratta di un progetto che ci sta molto a cuore”, dichiara il presidente Pippo Callipo, “perché ci permette di dare, concretamente, un’occasione di riscatto a 7 detenuti del penitenziario di Vibo Valentia. 

È un’occasione molto significativa anche per i nostri dipendenti che, ogni anno, a fine progetto, dicono di sentirsi umanamente toccati dal confronto con i detenuti e dai loro racconti, spesso malinconici ma carichi della speranza di poter riprendere un giorno in mano la loro vita. Ringrazio la direttrice del penitenziario, la dottoressa Angela Marcello, per aver immediatamente accolto la nostra richiesta di proseguimento del progetto, avviato con successo negli anni scorsi con il precedente direttore Antonio Galati”. Callipo ha affidato la gestione delle assunzioni dei detenuti a Openjobmetis SpA.

mtm - 9308

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili