Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Salmone, petizione in Islanda per chiusura allevamenti intensivi

La diffusione del sistema a reti aperte in mezzo al mare rischia di provocare grossi squilibri ambientali

Il team europeo di Patagonia, azienda californiana specializzata in abbigliamento tecnico, con il supporto dei gruppi ambientalisti islandesi, ha consegnato al Parlamento nazionale islandese una petizione di oltre 180.000 firme provenienti da tutta Europa per chiedere lo smantellamento degli allevamenti di salmone in reti aperte in mezzo al mare che, secondo quanto sostengono i promotori dell'iniziativa, stanno danneggiando gravemente i pesci selvatici e l’intera fauna locale.

L'appello è rivolto “Ai governanti e membri del Parlamento d’Islanda, Norvegia, Scozia e Irlanda: come cittadini europei, siamo preoccupati e vi chiediamo urgentemente di agire per fermare la devastazione dei pesci selvatici e dell’intero ecosistema locale, causata dagli allevamenti di salmone in reti aperte. Vi sollecitiamo a proibire immediatamente l’apertura di nuove strutture e a impegnarvi per la dismissione di quelle già esistenti”. L'Islanda sta valutando una massiccia liberalizzazione di licenze per questo tipo di allevamenti.

Le associazioni firmatarie sono Icelandic Wildlife Fund, Verndarsjóður villtra laxastofna (NASF), Landssamband veiðifélaga (Federation of Icelandic River Owners), Landvernd Icelandic Environment Association, Náttúruverndarsamtök Íslands (Iceland Nature Conservation Association) e Laxinn lifir (The Salmon Lives).

I problemi sollevati riguardano l'enorme quantità di salmoni - anche 200.000 - che possono essere contenuti in una singola vasca col rischio di proliferare di malattie e parassiti che portano anche a morire migliaia di pesci. Oltre alle questioni di sicurezza alimentare, o del benessere animale, c'è un tema di inquinamento delle acque perchè le gabbie non hanno nessun metodo di raccolta degli escrementi che vengono semplicemente dispersi nel mare. I promotori della petizione evidenziano il depauperamento della fauna e la diminuzione del salmone selvaggio.

agu - 9695

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili