Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Svizzera: entra in vigore la convenzione Beps

Per evitare doppie imposizioni fIscali l'Italia tra i Paesi disposti ad un accordo

La Convenzione multilaterale per l’attuazione di misure relative alle convenzioni fiscali finalizzate a prevenire l’erosione della base imponibile e il trasferimento degli utili ("Base Erosion and Profit Shifting", Convenzione BEPS) è entrata in vigore il 1° dicembre 2019. Questa convenzione consente di adeguare le vigenti convenzioni per evitare le doppie imposizioni (CDI) alle raccomandazioni relative alle CDI definite nell’ambito del progetto BEPS dell’OCSE/G20.     Con la Convenzione BEPS, verranno per ora adeguate agli standard minimi del progetto BEPS relativi alle CDI,  le CDI concluse dalla Svizzera con Argentina, Austria, Cile, Islanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Messico, Portogallo, Repubblica Ceca, Sudafrica e Turchia. 

Questi Stati sono infatti disposti a convenire con la Svizzera, attraverso accordi amichevoli, il tenore esatto delle CDI da modificare sulla base della Convenzione BEPS. Non appena questi Stati avranno adottato la Convenzione BEPS e i singoli accordi saranno stati conclusi, la Svizzera notificherà il completamento delle sue procedure interne in modo da rendere applicabili le disposizioni della Convenzione BEPS. Gli standard minimi relativi alle CDI possono essere concordati non solo in virtù della Convenzione BEPS, ma anche attraverso modifiche bilaterali delle CDI. Infatti la Svizzera ha già integrato gli standard minimi in numerose CDI modificate e nuove. La revisione di altre CDI è attualmente in corso. Ne parla oggi Ice dalla sua sede di Berna.

SaM - 9904

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili