Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Acetaia Malpighi premiata tra le Eccellenze Italiane 2019

Nel settore food “per la passione e l’orgoglio con cui porta avanti il sapore e l’aroma dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena”,

Massimo Malpighi, classe 1977, è imprenditore e quinta generazione di Acetaia Malpighi, uno dei brand più prestigiosi dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. E’ socio e consigliere del Consorzio Antiche Acetaie fondato dal padre Ermes nel 1979, tiene diverse docenze presso Università e Scuole di Cucina come Icif e Ifse e dal 2015 è cavaliere dell’ordine al merito della Repubblica Italiana. Da vent’anni porta avanti la passione di famiglia: il presidente dell’acetaia modenese ha ricevuto il prestigioso riconoscimento a forma di diamante “ Premio Eccellenze 2019” nel corso del Gran Galà che si è tenuto nel capoluogo lombardo col il patrocinio del comune di Milano. Il Premio è dedicato all’imprenditorialità italiana che opera e si inserisce a livello nazionale e internazionale ed è stato assegnato all’azienda per essersi contraddistinta - nel settore food - per l’attività, la ricerca e la qualità che porta avanti nel suo lavoro, “per la passione e l’orgoglio con cui porta avanti il sapore e l’aroma dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, eccellenza del Made in Italy”.

 Acetaia Malpighi dal 1850 rappresenta una grande tradizione del Made in Italy; vanta un patrimonio di oltre 3.000 botti dei legni più pregiati in cui matura e indugia lentamente l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP. Nel 2018 l’azienda si è classificata prima al Palio degli Aceti, nel 2019 ha ricevuto il riconoscimento “Forme dell’Aceto“ con il Premio Innovazione per le “Perle all’”Aceto Balsamico di Modena IGP” ed il Premio Migliore Etichetta per l“Aceto Balsamico di Modena IGP”.

Come sottolinea il presidente Massimo Malpighi, la sua mission è “fare cultura rispetto ad un prodotto, l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, su cui c’è ancora troppo spesso tanta confusione. Sensibilizzare il consumatore affinché comprenda quanto sono importanti la qualità della materia prima, l’attenzione e la cura con cui si lavora in vigna per dare vita ad un prodotto inimitabile e unico, raccontare quanto sforzo e passione si nascondono dietro a questo mondo fatto di gesti lenti e cure antiche”.

agu - 9906

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili

AttualitàAntibiotici e farmaci nel latte italiano?

Sembrerebbe di sì, secondo un test de "il Salvagente"

“Queste analisi non vogliono essere una penalizzazione alle aziende nelle cui confezioni abbiamo trovato residui di farmaci. Al contrario molte di loro si sono mostrate molto sensibili all’argomento. Il nostro interesse era sollevare un potenziale rischio rimasto finora nell’ombra per trovare soluzioni rassicuranti per i consumatori”, ha spiegato Quintili, direttore de "il Salvagente" continua