Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Covid-19/2: per Efsa nessuna prova che il cibo sia una fonte o una via di trasmissione

L'autorità europea per la sicurezza alimentare sta monitorando la diffusione del virus

L’Efsa sta monitorando attentamente la situazione relativa allo scoppio della malattia da coronavirus (Covid-19) che sta colpendo un gran numero di paesi in tutto il mondo. La scienziata capo dell’Efsa, Marta Hugas, ha dichiarato: “Le esperienze di precedenti focolai di coronavirus correlati, come il coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV) e il coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS-CoV), mostrano che non si verifica alcuna trasmissione attraverso il consumo di cibo. Al momento, non ci sono prove che suggeriscano che il Covid-19 sia diverso in questo senso“.

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ha affermato che mentre gli animali in Cina erano la probabile fonte dell’infezione iniziale, il virus si sta diffondendo da persona a persona, principalmente attraverso le goccioline disperse nell’aria che le persone starnutiscono, tossiscono o espirano. 

Gli scienziati e le autorità di tutto il mondo stanno monitorando la diffusione del virus e non sono stati segnalati casi di trasmissione attraverso il cibo. Per questo motivo, l’Efsa non è attualmente coinvolta nella risposta alle epidemie di Covid-19. Tuttavia, stanno monitorando la letteratura scientifica alla ricerca di informazioni nuove e pertinenti.

agu - 11078

© EFA News - European Food Agency Srl
Collegate
Simili