Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Cibo per la mente, nuovi sostenitori del manifesto

Aderiscono associazione piscicoltori e Copagri

Associazione Piscicoltori Italiani e Copagri entrano a far parte di Cibo per la mente, il progetto della filiera agroalimentare italiana nato per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sulla necessità di investimenti in innovazione e ricerca nel campo dell’agricoltura e dell’industria alimentare. L’associazione che rappresenta gli acquacoltori italiani e la confederazione dei produttori agricoli si uniscono a Agrofarma, Aisa, Assalzoo, Assica, Assitol, Assobiotec, Assofertilizzanti, Assosementi, CIA, Compag, Confagricoltura, UNAItalia, Uniceb e Unionzucchero, portando a 16 le realtà aderenti al manifesto.

L’Associazione Piscicoltori Italiani  è nata nel 1964 come organismo professionale di categoria e ha come scopo la tutela, lo sviluppo e il consolidamento di tutte le attività di allevamento ittico ed acquacoltura in acque interne, marine e salmastre. Api promuove tutti gli interventi in campo economico, scientifico, tecnico, assicurativo, professionale, sindacale e legale che sono necessari per conseguire questo obiettivo. “Crediamo molto nell’idea che c’è alla base di Cibo per la mente. Garantire attraverso l’innovazione la sostenibilità ambientale, economica e sociale, l'approvvigionamento e la sicurezza alimentare, sono sfide che fanno parte della nostra Associazione da sempre” ha sottolineato Andrea Fabris, Direttore di Api.


Copagri, nata nel 1991, è un'organizzazione professionale agricola a vocazione generale, presente su tutto il territorio nazionale a cui aderiscono strutture economiche, associative e di servizio impegnate nei diversi comparti. “L’importanza di garantire l’accesso al cibo a tutti i cittadini europei in un contesto di salubrità è il nucleo centrale del pensiero della Copagri. È solo attraverso la comprensione scientifica dei processi che vanno ad impattare sull’ambiente, infatti, che si può orientare il proprio lavoro verso un migliore approccio nei confronti degli habitat, della salvaguardia e della tutela della biodiversità. Per questa ragione, ribadiamo il nostro interesse ad essere annoverati tra i sottoscrittori del Manifesto” ha dichiarato il Presidente Franco Verrascina.

“Queste due nuove adesioni ci rendono molto orgogliosi e felici perché ci permettono di integrare all'interno del dibattito sulla filiera agroalimentare due nuovi settori, portando a 16 le associazioni aderenti al Manifesto” ha commentato Deborah Piovan, portavoce di Cibo per la mente.

agu - 12828

EFA News - European Food Agency
Simili