Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Princes, meeting con i partner agricoli

Presentato il bilancio della campagna 2020 e le direzioni strategiche per il 2021

Princes Industrie Alimentari (Pia), società che gestisce a Foggia il più grande stabilimento in Europa per la trasformazione del pomodoro, ha voluto confermare anche quest’anno il tradizionale momento di incontro con i fornitori agricoli rinnovando la vicinanza del Gruppo internazionale ai propri partner. Grazie a un meeting digitale, l'industria ha virtualmente accolto un’ampia rappresentanza della parte agricola per fare il punto sulla stagione del pomodoro 2020 e presentare le direzioni strategiche che guideranno la prossima campagna.

Di fronte a circa 50 rappresentanti delle principali cooperative e produttori, l’amministratore delegato di Pia ha indicato la sostenibilità e l’innovazione come leve strategiche fondamentali per valorizzare il pomodoro made in Puglia. "Solo attraverso un maggior ricorso a soluzioni innovative in direzione della sostenibilità sarà possibile superare insieme gli impatti che ci lascia il 2020. Il made in Italy e in particolare il pomodoro pugliese possono costituire una leva fondamentale per la ripresa economica e per consentire un vero sviluppo per il nostro territorio, nel contesto di una filiera etica e trasparente. Come Princes, il nostro impegno è valorizzare questa eccellenza dell’agri-food portando la cultura dell’innovazione, la certezza della legalità e la tracciabilità della nostra produzione in tutto il mondo", ha commentato l'Ad Gianmarco Laviola.

Nel corso dell’incontro, il Gruppo ha sottolineato il contributo alla campagna 2020 portato dalle soluzioni tecnologiche implementate, come le trappole che hanno permesso la riduzione dei pesticidi, la blockchain a totale garanzia della tracciabilità del pomodoro trasformato, i programmi di contingentamento dell’acqua da irrigazione e dell’azoto nei campi. Un contributo ancora più rilevante nel contesto di una campagna impattata, come mai avvenuto nella storia, dal sommarsi di eventi climatici violenti (siccità, alluvioni, fitopatologie) e alla pandemia da Covid-19. Il meeting è stato anche il momento per confermare l’impegno dell'azienda per la contrattazione anticipata del pomodoro e della determinazione del suo prezzo equo basato sulla valorizzazione dei costi di coltivazione. 

Come di consueto, l’azienda ha voluto riconoscere l’impegno delle cooperative e dei produttori che si sono contraddistinti per qualità e quantità del pomodoro conferito nella passata stagione 2020. I riconoscimenti assegnati: “Migliore qualità del pomodoro per Cooperativa” alla cooperativa agricola La Rustica Scrl; “Migliore qualità del pomodoro per Produttore” alla società cooperativa agricola Visconti (cooperativa San Sebastiano); “Conferimento oltre il 100% del pomodoro contrattato” alla cooperativa agricola Eurocoop Arl ed alla cooperativa agricola Il Gallo Arl; ”Maggior quantitativo di pomodoro conferito per cooperativa” alla società cooperativa agricola Futuragri; “Maggior quantitativo di pomodoro conferito per produttore”, all'azienda agricola Pa.Vi.Ro. dei F.lli D’Ettorres & C. (cooperativa San Sebastiano); “Fedeltà etica nella filiera del pomodoro pugliese” a Apod Scrl; “Premio speciale innovazione” alla società cooperativa agricola Terranova Arl per la scelta di ricorrere alla raccolta alla "Rinfusa", pratica che riduce i tempi di raccolta, l’utilizzo di cespiti aziendali e la quantità di manodopera utilizzata nei campi.

hef - 15548

EFA News - European Food Agency
Simili