Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Grana Padano si affida a Kpmg per l'internazionalizzazione

Il consorzio punta a una crescita delle vendite almeno dell'11% in 4 anni

Bene la produzione di forme nel 2020, +2,2%.

Come anticipato (vedi articolo di EFA News del 21/4/2021) Consorzio Grana Padano ha deciso di affidarsi a una società di consulenza internazionale per aumentare le vendite su nuovi mercati esteri. "Nel prossimo quadriennio - spiega una nota - il Consorzio perlustrerà nuove opportunità con l’obiettivo di continuare a far crescere le vendite e quindi le produzioni, nel rispetto della qualità del prodotto e del benessere dell’ambiente e dell’intera filiera. Per farlo il Consorzio si è affidato ad una delle più importanti società mondiali operanti in materia di analisi, sviluppo e accompagnamento, la Kpmg".

Nel corso dell’assemblea che si è tenuta oggi, è stato illustrato il percorso quadriennale 2021-2024 del Consorzio, che ha l’ambizione di fare accrescere i consumi da un minimo del +11% fino al desiderato +24%, ricordando che il trend consumi degli ultimi dieci anni si è attestato sul +2,1% annuo. “L’obiettivo è superare, entro la fine del 2024, i 6 milioni di forme prodotte per consolidare ulteriormente la leadership quantitativa mondiale – annuncia il presidente Renato Zaghini – Una sfida ambiziosa per il futuro, da realizzare attraverso un percorso nuovo, moderno e ambizioso che ci consenta di continuare ad essere sempre di più il prodotto DOP più consumato al mondo”.

Soddisfacenti i numeri del 2020, nonostante il crollo della ristorazione causato dal Covid-19. Sono state prodotte in totale 5.255.451 forme (+2,2% rispetto al 2019). 2.112.870 forme (da 37 kg) sono state destinate all’export che registra così una crescita del +3,4%. Con 2.900.000 forme vendute in Italia, in nostro paese rappresenta il 59% del totale.

red - 18621

EFA News - European Food Agency
Collegate
Simili