Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

"Valore trasformati”/3: DOP e IGP possono dar valore all’industria alimentare

Rosati, dg Qualivita: veicolando l’appeal dell’agricoltura e del made in Italy /Video con gli interventi

“Le DOP e IGP possono dare valore all’industria alimentare veicolando l’appeal dell’agricoltura italiana e del made in Italy”: è questo il commento di Mauro Rosati, direttore generale di Fondazione Qualivita, in occasione della presentazione della ricerca “DOP IGP valore trasformati” avvenuta oggi online.

“La ricerca mette in luce come le DOP e IGP possano dare valore sul mercato alla nostra industria alimentare, al nostro artigianato enogastronomico e alla nostra ristorazione, veicolando tutto l’appeal dell’agricoltura italiana e del Made in Italy”, rincara il dg. “Questa ricerca ci indica che dobbiamo costruire sinergie ancora più strutturate fra i comparti per rendere più efficaci le filiere, dare maggiori garanzie a consumatori e imprese e cogliere appieno le possibilità dei “trasformati di qualità”. 

"Per i Consorzi si aprono nuove opportunità: oltre al coordinamento delle attività principali – tutela e promozione e, negli ultimi anni, turismo enogastronomico –; è giunto il momento di riflettere su come lavorare con risorse ad hoc anche sul settore dei trasformati, visto il valore che esso è in grado di generare. Tutto ciò che abbiamo oggi è frutto di un connubio 'occasionale' tra prodotti DOP IGP con industria e artigianato alimentare, mentre attività di marketing mirate da parte dei Consorzi potrebbero aprire uno sviluppo potenziale davvero ampio”.

Vedasi anche notizia EFA News e il link in essa contenuto. Nel video in basso i vari interventi alla presentazione della ricerca, e le conclusioni del sottosegretario al Mipaaf, senatore Gian Marco Centinaio, già ministro dello stesso dicastero:



SaM - 20002

EFA News - European Food Agency
Collegate
Simili

AttualitàTrattato del Quirinale: firmato accordo tra Italia e Francia

I due paesi si uniscono anche nella difesa dell’agricoltura e delle produzioni alimentari

Italia e Francia si “impegnano a sostenere, proteggere e promuovere, sia nell’Unione Europea che nei paesi terzi, a livello bilaterale, plurilaterale e multilaterale, le denominazioni d’origine e le indicazioni geografiche registrate nell’Unione Europea” per combattere i falsi a tavola che ingannano i consumatori e colpiscono duramente l’economia e l’occupazione dei due paesi. continua