Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Unilever: ricavi 2017 a 53,7 miliardi, utile netto su del 17%

L'alimentare in aumento, grazie al nuovo portafoglio prodotti

L'azienda si aspetta un altro anno di crescita nella misura del 3-5% e un miglioramento del margine operativo e del flusso di cassa

I profitti di Unilever sono saliti nel 2017, grazie alla crescita nei mercati emergenti e alle sue 11 acquisizioni. L'utile netto è aumentato del 16,9% a 6,5 miliardi di euro e il fatturato è salito dell'1,9% a 53,7 miliardi di euro. La società ha dichiarato che il suo incremento in termini di volumi nel quarto trimestre dell'anno, con il 4,2% proveniente dai mercati emergenti, includeva i benefici derivati dal suo piano di innovazione.

Unilever, che impiega 169.000 persone in tutto il mondo e possiede oltre 400 marchi, ha respinto un tentativo di fusione lo scorso anno da parte di Kraft Heinz. Il tentativo di acquisizione ha indotto Unilever a liquidare parte del proprio business meno redditizia per 6,83 miliardi di euro nel tentativo di ringiovanire la propria attività. La società ha affermato che le condizioni di mercato nel 2017 "sono rimaste difficili" con volumi nei mercati in cui opera "con una crescita inferiore all'1%".

"Ci aspettiamo un altro anno di crescita nella misura del 3-5% e un miglioramento del margine operativo e del flusso di cassa, per mantenerci in linea con gli obiettivi del 2020", ha dichiarato il ceo Paul Polman.

Nell'ambito della sua attività nel settore alimentare, Unilever ha affermato di aver continuato a modernizzare il proprio portafoglio attraverso innovazioni e acquisizioni, rafforzando la propria presenza nei mercati emergenti e sostenendo una forte performance nei canali di servizi alimentari. La crescita nel settore salato, superiore alla media del gruppo, è stata guidata dalle buone prestazioni di Knorr e marchi locali come Bango e Pot Noodle. Nelle salse, Hellmann's è stato rilanciato con ingredienti più naturali in 25 mercati, mentre le varianti biologiche sono state portate dal Nord America in Europa. Tuttavia, la crescita dei volumi è stata moderata dall'aumentata intensità promozionale durante l'anno, in particolare in Nord America.

mtm - 2014

© EFA News - European Food Agency Srl
Collegate
Simili

RistorazioneFipe. Rapporto ristorazione 2019: tutti i numeri del settore

Intraprendenza, qualità, sostenibilità: così il comparto batte la crisi

Cresce il numero delle imprese della ristorazione rispetto a un anno fa: 336mila di cui quasi una su tre gestita da donne e l'11,6% da cittadini stranieri. L'elevato turnover resta un'emergenza. In aumento anche la spesa delle famiglie, +0,7% in termini reali, che si assesta sugli 86 miliardi di euro nel 2019. Un trend che si rafforza sul lungo periodo: in 10 anni la spesa degli italiani per mangiare fuori è aumentata di 4,9 miliardi mente quella in casa si è ridotta di 8,6 miliardi di euro nello stesso periodo di tempo. In impennata anche l'occupazione: nella ristorazione lavorano 1,2 milioni di addetti di cui il 52% donne e in maggioranza giovani. In 10 anni la crescita è stata del 20% continua

AgricolturaBellanova incontra al Mipaaf l'omologo brasiliano Tereza Cristina

"Insoddisfatti del Mercosur. Sostenibilità ambientale, sociale, economica pilastri essenziali nell'agricoltura del futuro"

"Di certo sarà interessante per i nostri due Paesi intensificare le relazioni sul versante delle best practices che caratterizzano la nostra agricoltura e il nostro agroalimentare, anche nel dare risposte alla crisi climatica. Gli agricoltori possono contribuire a prevenire e compensare gli effetti dei cambiamenti climatici ma vanno aiutati" continua