Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Industria molitoria a frumento tenero: c'è grande apprensione

Italmopa: preoccupa il balzo nelle quotazioni materia prima, dei costi energetici e dei costi logistici

“Il violento incremento delle quotazioni internazionali, e quindi nazionali, della materia prima frumento tenero, dei costi energetici e dei costi logistici costituiscono motivi di forte e crescente preoccupazione per l’Industria molitoria italiana”: così Silvio Grassi, presidente Italmopa (associazione industriali mugnai d’Italia) in merito alle tre principali criticità che stanno influendo pesantemente sulle principali filiere alimentari e sull’Industria molitoria a frumento tenero in particolare.

“La situazione che siamo chiamati a fronteggiare è straordinaria ma non per questo meno allarmante - precisa Grassi-. Queste tre voci di costo rappresentano, complessivamente, oltre l’80 percento dei costi totali di produzione delle nostre aziende. Pertanto gli incrementi costatati, che possiamo mediamente calcolare nella misura del 35% nel corso degli ultimi mesi, non possono in alcun modo essere integralmente assorbiti dalle aziende molitorie la cui redditività, secondo un recente studio Ismea, è compresa tra il 2,5 ed il 3%, uno dei più bassi nell’intero comparto agroalimentare nazionale”.

L’industria molitoria italiana a frumento tenero trasforma annualmente circa 5,4 milioni di tonnellate di frumento per la produzione di oltre 4 milioni di tonnellate di farine, destinate a prodotti simboli della nostra dieta alimentare quotidiana quali pane, pizza, biscotti, prodotti di ricorrenza, pasticceria, pasta fresca. “Il quadro risulta ancor più preoccupante”, prosegue Andrea Valente, presidente della sezione molini a frumento tenero Italmopa, “se si considera che le problematiche attualmente costatate sembrano destinate a protrarsi nei prossimi mesi e che non esistono al momento, purtroppo, misure atte a contrastarle efficacemente. Ciò detto, abbiamo responsabilmente reiterato la nostra richiesta di costituzione, con immediata convocazione, di un tavolo di filiera con la partecipazione di tutti gli anelli che la compongono, dai sementieri sino ai consumatori. Al di là di un’emergenza ingovernabile, si tratta di individuare misure di ampio respiro atte a rilanciare e valorizzare la filiera frumento tenero nazionale, che costituisce, pur sempre, un fiore all’occhiello del made in Italy alimentare”.

hef - 21187

EFA News - European Food Agency
Simili