Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Pomodoro di Pachino Igp: gli obiettivi per il 2022

Tra questi: il monitoraggio della qualità, il riutilizzo degli scarti della filiera produttiva e l’incremento della sostenibilità

Tempo di bilanci e nuovi obiettivi per il Consorzio di tutela del pomodoro di Pachino Igp che, nonostante le difficoltà della congiuntura economica, nel 2021 ha portato a casa importanti risultati. Dall’avvio di collaborazioni con l’Università degli studi di Catania per un progetto di ricerca volto alla caratterizzazione del conosciuto pomodoro volto allo studio di possibili relazioni causa/effetto tra le caratteristiche organolettiche dello stesso e principali varianti bio-agronomiche e pedo-climatiche del comprensorio di coltivazione (vedi articolo EFA News del 13-10-21) e quella con l’ente Sata, che opera per certificare sicurezza e igiene in tutti i soggetti della filiera agroalimentare al riconoscimento del premio organizzazione agroalimentare e agroindustriale dell’anno 2021, assegnato dalla rassegna di giornalismo agroalimentare e agroindustriale pro Sud.

“Il 2022 sarà un anno molto importante per il Consorzio", spiega il presidente Sebastiano Fortunato, "perché il 31 agosto il nostro ente di tutela festeggerà vent’anni di attività. Per rafforzare la reputazione dell’Igp stiamo andando, attraverso un sistema di certificazioni e monitoraggi, sempre più verso un’adeguata omogeneità della qualità, che è parte della promessa che facciamo ai nostri consumatori. Abbiamo attivato nuovi controlli per presidiare, sviluppare e innovare i processi aziendali e i loro prodotti e lavorare sempre più a un marchio collettivo patrimonio di tutti. Coordinare 150 soci non è cosa semplice e il prezzo del nostro prodotto è una conseguenza di tutto il lavoro svolto”.

Da qui la richiesta di attenzione del presidente Fortunato, indirizzata alle istituzioni, rafforzata dalla partecipazione delle organizzazioni professionali di categoria competenti in merito alla problematica relativa all’impennata dei prezzi dei mezzi tecnici di produzione e dei costi energetici, che oscilla dal 40 al 70%, nell’ambito dell’ultima campagna di produzione. L’impegno del Consorzio è poi sempre più in direzione della sostenibilità, sottolinea Sebastiano Barone tecnico del Consorzio, in un’ottica di risparmio energetico ed economia circolare. Due principi fondamentali, e ormai imprescindibili, per prevenire la produzione di rifiuti e massimizzarne il recupero, il riutilizzo e il riciclo. "Occorre infatti ricordare che diverse aziende dell’ente da anni aderiscono al disciplinare di produzione integrata della Regione Sicilia ed a partire dal 2022 alla misura Sqnpi e che il Consorzio ha avviato non solo un percorso di certificazione Carbonfoot Print per la misurazione dell’impronta di Co2 nelle nostre serre fredde mediterranee, caratterizzate da un basso input energetico, grazie alla luce che a Pachino raggiunge i livelli di intensità e di durata più elevati d’Europa e le temperature miti che non richiedono la necessità di riscaldamento, ma anche di completa tracciabilità del sistema produttivo attraverso la Blockchain", conclude Barone.

hef - 22855

EFA News - European Food Agency
Simili