Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Fondi Ue. Confeuro: e la Puglia inciampa ancora...

La Regione dovrà restituire all'Ue € 28 milioni destinati all'agricoltura pugliese già in crisi

Per la Confederazione degli agricoltori europei e del mondo serve un cambio di marcia per bilanciare l'agricoltura locale

"La Puglia manca ancora una volta l'appuntamento con i fondi europei a causa delle lentezze e delle inefficienze dell’amministrazione", dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Secondo quanto denunciato dal co-presidente del gruppo europeo dei Conservatori (Ecr-FdI) Raffaele Fitto, la Regione dovrà restituire 28 milioni di euro all'Ue destinati all'agricoltura pugliese, attualmente in grave crisi.

Non è la prima volta che la Puglia si lascia sfuggire le risorse dell'Europa per via di una macchina amministrativa troppo farraginosa, che negli anni non è riuscita a riorganizzarsi, continua Tiso. Va dato atto all’assessore all’Agricoltura Pentassuglia di essere riuscito a recuperare oltre 100 milioni di euro negli ultimi due anni. Nel biennio passato la Regione è arrivata a fine anno sempre con un saldo passivo di circa 100 milioni di euro. L'amministrazione pugliese si dimostra non all'altezza delle sfide del presente.

"Il presidente Emiliano e l’assessore Pentassuglia avevano promesso un cambio di marcia che non si è ancora realizzato. I fondi europei sono una risorsa fondamentale per l'agricoltura pugliese e devono essere sfruttati al meglio, grazie a una programmazione attenta e a procedure rapide che permettano di rispettare le scadenze imposte da Bruxelles", conclude una nota di Confeuro.

red/c - 22912

EFA News - European Food Agency
Simili