Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Kebhouze: decolla il format lanciato da Gianluca Vacchi

Dopo le prime 5 aperture, previsti altri 20 locali nel 2022

Decolla la partnership tra Kebhouze, nuovo format dedicato al kebab firmato dall’imprenditore e influencer da 41 milioni di follower Gianluca Vacchi, e Augusto Contract, scelta per realizzare i primi locali del nuovo format. Dopo i primi ristoranti aperti a Milano in Corso Buenos Aires, Paolo Sarpi e Porta Genova, e altri due nella Capitale, in via Ostiense e presso il Centro Commerciale Euroma2, altre 20 inaugurazioni sono in programma nel 2022 in Italia e all'estero. 

Augusto, società di arredamento - hospitality & foodservice general contractor – e primo general contractor specializzato nella realizzazione “chiavi in mano” di spazi per la ristorazione, conferma così la sua expertise nel mondo del foodservice.

L’azienda di Jesi ha seguito le aperture in qualità di general contractor, occupandosi della realizzazione ‘chiavi in mano’ dei locali. “Ancora una volta non possiamo che ritenerci grati e orgogliosi di essere stati scelti per collaborare con un brand innovativo, di qualità, che guarda al futuro, come Kebhouze” afferma Giacomo Racugno, ceo Augusto Contract. “È un onore per noi mettere la nostra esperienza e il nostro know-how a disposizione di imprenditori di talento e di progetti di valore”.

Kebhouze rilancia il kebab in tre versioni: pollo 100% italiano, Black Angus e - grande novità per la clientela vegetariana e vegana (e non solo) - 100% vegetale da proteine di piselli, grazie alla partnership siglata con l’azienda svizzera Planted. Il format punta inoltre su ingredienti di altissima qualità, predilige fornitori locali e aziende italiane, utilizza packaging eco-friendly e si affida a una comunicazione ‘sopra le righe’, che da settimane annunciava l’imminente inaugurazione dei punti vendita.

Tra le peculiarità che distinguono i Kebhouze, particolarmente sfidanti a livello realizzativo, ci sono sicuramente la pavimentazione in linoleum con il logo del brand intarsiato, le lamiere rosse a tutta altezza e il rivestimento degli arredi con una pellicola con raffigurato il logo. Dettagli realizzati, ancora una volta, con quella cura e quella ricerca che sono ormai diventati un ‘marchio di fabbrica’ di Augusto Contract. Tutto senza dimenticare la capacità di gestione di più cantieri in simultanea, con tempistiche molto strette: a Milano, ad esempio, il locale di Buenos Aires, con la metratura più ampia, ha richiesto solo 5 settimane di lavori, ancora meno nei punti vendita di Paolo Sarpi e di Via Vigevano.

In 7 anni Augusto Contract ha realizzato locali per 61 brand, per un totale di 182 aperture in 75 città di 12 nazioni in 3 continenti, in high street, healthcare, travel retail, centri commerciali e hotel. Ancora una volta una conferma della professionalità e della creatività italiana nel mondo.

red - 23044

EFA News - European Food Agency
Simili