Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Nuove aperture milanesi per Starbucks

Tre nuovi store a Garibaldi, San Babila e Malpensa

Nuovi punti vendita aperti con il partner licenziatario unico per l’Italia Percassi

Sulla scia della positiva accoglienza ricevuta, dopo due mesi, Starbucks ha aperto altri tre nuovi punti vendita, in corso Garibaldi e in piazza San Babila (via Durini) a Milano, e al Terminal 1 dell’aeroporto di Milano Malpensa. Questi nuovi punti vendita sono con il partner licenziatario unico per l’Italia Percassi. Il design di questi nuovi punti vendita è stato studiato per rendere omaggio alla cultura artigianale del design e della moda, che rendono Milano così famosa nel mondo. Così ad esempio nello Starbucks di Garibaldi l’espresso bar è disegnato in perfetto stile contemporaneo milanese, marmo squadrato dalla forma organica e abbellito con lavorazioni in legno create da un artigiano italiano. Elementi di ottone, tipici dell’architettura italiana, caratterizzano il negozio, insieme ad altri pezzi d’arte, ispirati alla storia di Starbucks, che sono stati commissionati ad artigiani locali. Lo Starbucks di Garibaldi sarà anche il primo nell’Europa continentale ad esporre i menu board digitali, che sono incastonati in cornici di bronzo. Un design che non vuole essere dunque solo estetica, ma grazie all’attenta selezione dei dettagli vuole favorire l’esplorazione del caffè, la condivisione con gli altri, l’accoglienza in un “terzo spazio” confortevole oltre a casa e ufficio. “Abbiamo accolto con umiltà la calorosa accoglienza che gli italiani ci hanno riservato con la Reserve Roastery, a settembre” afferma Martin Brok, presidente Starbucks Europe, Middle East e Africa. “È stato importante per noi arrivare a Milano rendendo omaggio alla ricca tradizione dei bar e caffè italiani, ed allo stesso tempo celebrando tutto ciò che abbiamo appreso sull’arte e la scienza della tostatura del caffè durante questi 47 anni dell’azienda. Oggi facciamo un passo avanti nel nostro viaggio in Italia, portando l’esperienza Starbucks a molti più consumatori di Milano, che potranno rilassarsi e gustare un delizioso caffè in un ambiente accogliente”. 

“Tutto quello che abbiamo fatto per portare l’esperienza Starbucks in nuovi quartieri milanesi, lo abbiamo fatto mettendo sempre al centro il nostro consumatore” dichiara Roberto Masi, Managing Director Starbucks Italia. “Rimanendo fedeli ai valori e all’atmosfera per cui Starbucks è riconosciuto nel mondo, abbiamo voluto offrire ai consumatori di Milano un ambiente studiato su misura per loro, che rifletta la bellezza della città del design e del caffè. La nostra ambizione è di riuscire ad aprire tra i 10 e i 15 nuovi punti vendita all’anno nei prossimi anni nelle maggiori città italiane”. A fine novembre ha poi aperto anche il punto vendita presso il Terminal 1 di Milano Malpensa. Il piano di sviluppo di Starbucks in Italia ha già dato inizio a molte opportunità lavorative. Con le nuove aperture sono stati assunti circa 100 collaboratori che insieme a quelli della Reserve Roastery compongono un team di oltre 400 persone che sono entrate, solo a Milano, nella squadra di partner (come Starbucks chiama i suoi collaboratori). Numerose altre assunzioni saranno fatte nei prossimi mesi, offrendo non soltanto opportunità di impiego, ma anche di formazione e crescita professionale. Con l’apertura milanese di Starbucks, l’azienda continuerà la collaborazione con la Fondazione Don Gino Rigoldi per offrire supporto ai giovani che provengono dalle aree più svantaggiate di Milano, offrendo loro opportunità di formazione e lavoro. Inoltre, Starbucks sta lavorando con il Banco Alimentare per garantire la raccolta giornaliera dei prodotti freschi non venduti, per poterli offrire a chi ha più bisogno di sostegno.


mtm - 5610

© EFA News - European Food Agency Srl