Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Gli chef del Quirinale alfieri della cucina italiana

Successo in India per la settimana dedicata all'Italia, organizzata da Chefs des Chefs. Galleria

La cucina italiana nel mondo è sempre più ricercata e anche il continente indiano non fa eccezione, dove è sempre più di moda cucinare come in Italia. Lo testimonia anche il successo che sta riscuotendo la missione degli chef del Quirinale Fabrizio Boca (executive) e Massimo Sprega (della brigata), nella settimana della cucina italiana organizzata in India dall'associazione internazionale Chefs des Chefs, un club esclusivo che raccoglie gli chef che lavorano per i capi di stato e di governo in tutto il mondo.

Con una fitta serie di eventi, iniziati il 29 marzo e che si prolungheranno fino al 7 aprile, i nostri chef stanno operando per la promozione dell'immagine della cucina italiana incontrando centinaia di chef locali con master class dedicati alla promozione delle vere ricette della nostra tradizione e dei prodotti del territorio.

Prima tappa Udaipur dove, nella cornice dello spettacolare Lake Palace, è stata offerta una cena alla presenza del Marajà di Udaipur. Poi vari incontri per esaltare piatti e ricette tipiche: panzanella con il polpo (mediterranea), baccalà (mantecato, in olio cottura, fritto), tortello di burrata,  agnello alla cacciatora, gnocco di ceci, tiramisù.
Poi uno show cooking per spiegare la preparazione di un menu italiano con piatti della tradizione siciliana, e una sessione dove cucina italiana e indiana si incontrano, con ingredienti tipici della serata per parte italiana: mozzarella di bufala, pasta di grano duro, carciofi e cipolle rosse di Tropea.

Tra i fuori programma, la richiesta degli chef indiani di conoscere la vera esecuzione della carbonara e del risotto alla pescatora, piatti molto richiesti ma realizzati in modo molto diverso dalla ricetta originale.

L'esclusivo Club des Chefs des Chefs è nato nel 1977 nel ristorante nel ristorante Paul Bocuse, con l'ispirazione di Gilles Bragard, che tuttora lo dirige. L'associazione si propone di essere uno strumento di unità tra i paesi e spinge anche per iniziative filantropiche importanti. Non a caso la seconda tappa del viaggio ha toccato Calcutta, dove
si è tenuta una visita alla casa della fondazione di Madre Teresa di Calcutta alla quale andrà il ricavato di due charity dinner di stasera e domani sera.

E domani un altro momento di carattere sociale, con  i nostri chef prepareranno una merenda molto speciale per i bambini dell’orfanotrofio dell’opera di madre Teresa di Calcutta.

Galleria fotografica Chef del Quirinale in India Chef del Quirinale in India Chef del Quirinale in India Chef del Quirinale in India Chef del Quirinale in India
agu - 7224

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili

Verdure quarta gammaSostenibilità, Bonduelle aderisce a Weplanet

Parte il tour dei valori sostenibili

Bonduelle partecipa a Weplanet – 100 globi per un futuro sostenibile – Grand Tour Italia, il viaggio italiano dei valori sostenibili per concorrere in via ufficiale al raggiungimento dei 17 Global Goals delle Nazioni Unite. Il tour, che parte oggi da Trento e toccherà diverse regioni e province italiane, vedrà protagonisti i globi disegnati da 100 artisti sul tema della sostenibilità continua