Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Atlante porta il filetto di carne finta in Italia

Il prodotto 100% di origine vegetale è disponibile in Emilia Romagna e in Liguria

Il filetto vegano, prodotto da Vivera, dopo il successo riscontrato nei Paesi Bassi e nel Regno Unito arriva come novità assoluta in Italia: prima tappa Emilia Romagna e in Liguria, nelle altre regioni italiane entro il 2019.

Atlante, azienda che opera nel settore della gdo come partner delle principali catene italiane ed estere per l’import di prodotti alimentari da tutto il mondo e l’export delle migliori specialità italiane, porta in Italia il primo filetto vegano al 100% di origine vegetale. Il filetto vegano era stato presentato come novità assoluta per il mercato italiano in occasione del Marca 2019 a Bologna, il salone internazionale sui prodotti a Marca del Distributore e la seconda fiera in Europa del settore, e oggi i consumatori possono acquistarlo in 64 punti vendita Sigma in Emilia Romagna e 1 punto vendita Sigma a La Spezia, mentre entro la fine dell’anno sarà disponibile anche nelle altre regioni italiane. 

Il filetto vegano, nato da un progetto dell’azienda olandese Vivera – specializzata nella produzione di alimenti a base vegetale e con un potenziale di offerta superiore a 1 milione di prodotti sostitutivi della carne, fra i quali polpette, cotolette, lasagne, hamburger e tagliate - è stato studiato e realizzato per soddisfare le esigenze di chi adotta un regime alimentare a base di prodotti di origine vegetale e si presenta come una vera e propria alternativa alla carne per quei consumatori, sempre più esigenti e attenti, che hanno necessità di ridurne il consumo, senza però voler rinunciare al gusto e al sapore. Infatti, il filetto, grazie ad una tecnologia di produzione avanzata, si presenta come un prodotto altamente innovativo poiché somiglia a un vero e proprio filetto di carne per aspetto, struttura, gusto e consistenza. 

Confezionato in atmosfera protettiva, è un prodotto a base di soia e di proteine del frumento arricchito con ferro e vitamina B12, fonte di fibre e ad alto tenore proteico (con 17,3 gr di proteine ogni 100 gr). In Europa, sempre più consumatori ricercano prodotti derivanti da una produzione sostenibile e in uno scenario dove, secondo le proiezioni della Fao, Food and Agricultural Organization, entro il 2050 la produzione di carne raddoppierà, il consumo di alimenti alternativi alle proteine animali potrà ridurre sensibilmente l’impatto ambientale e limitare l’utilizzo di risorse sempre più preziose come l’acqua e i terreni disponibili. 

Nella prima settimana del lancio del filetto vegano in 400 punti vendita della catena britannica Tesco ne sono state vendute circa 40.000 unità, con un conseguente incremento della produzione di 100.000 unità a settimana.

Galleria fotografica Il filetto vegano di Vivera, ora disponibile anche in alcuni supermercati italiani
mtm - 8145

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili