Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Tomini, 45 milioni di euro di acquisti in un anno

Gli italiani hanno messo nel carrello della spesa oltre 4,4 milioni di kg di tomini

In totale, tra ipermercati, supermercati e negozi a libero servizio, gli italiani hanno messo nel carrello della spesa oltre 4,4 milioni di kg di tomini per un controvalore che sfiora i 45 milioni di euro.

Continua (silenziosamente) a crescere il mercato dei tomini, i formaggi “monoporzione” che si cucinano soprattutto alla griglia e alla piastra. Ad affermarlo è Assolatte, riportando i dati consuntivi di vendita relativi all’anno terminante a febbraio 2019. In totale, tra ipermercati, supermercati e negozi a libero servizio, gli italiani hanno messo nel carrello della spesa oltre 4,4 milioni di kg di tomini per un controvalore che sfiora i 45 milioni di euro. Rispetto all’anno mobile precedente, i tomini hanno visto aumentare le vendite in quantità del 6,5% e quelle in valore dell’8,1%: un trend decisamente vivace e una performance molto più positiva rispetto al mercato dei formaggi freschi che, complessivamente, ha chiuso l’anno in sostanziale stabilità. 

Oggi i tomini sono arrivati a pesare per il 2,2% sui volumi totali di vendita del vasto e variegato mondo dei formaggi freschi, che comprende 11 segmenti principali (dalla mozzarella alla crescenza, dalla ricotta ai formaggi spalmabili, dal mascarpone ai fiocchi di latte). I tomini sono all’ottavo posto nella classifica per quantità vendute, davanti a robiola e caprini. Anche i tomini arrivano dalla tradizione casearia italiana: storicamente realizzati in varie zone a partire da latte di mucca, di pecora, di capra o misto, e messi in commercio freschi, oggi sono prodotti da importanti aziende casearie che li hanno fatti conoscere e apprezzare anche al di fuori dei loro territori d’origine. Se in ogni supermercato o bottega d’Italia si possono acquistare tomini freschi e gustosi è merito delle aziende casearie, che hanno investito in tecnologia e logistica per coniugare il rispetto della tradizione produttiva di queste formaggelle - che ha nella freschezza il suo punto di forza visto che passano appena 24 ore tra il momento in cui i fermenti lattici e il caglio vengono aggiunti al latte e quello in cui i tomini sono pronti per essere distribuiti - con la garanzia dei più moderni requisiti di qualità e sicurezza alimentare. E il rispetto della catena del freddo è necessario per farli arrivare freschi e integri nei punti vendita di tutta Italia. 

mtm - 8202

EFA News - European Food Agency
Simili