Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Unilever, lo stabilimento di Verona diventerà polo di eccellenza agroalimentare

Grazie ad accordo con Menz&Gasser nascerà hub con produzioni per l’estero e un centro di attrazione di talenti e innovazione in ambito food

Unilever cede lo stabilimento di Sanguinetto, ma la contempo l'impianto viene rilanciato anche con nuove produzioni. E' questa la sintesi dell'importante partnership tra il colosso anglo-olandese e l'italiana Menz&Gasser, azienda specializzata nella produzione di marmellate, confetture e semilavorati, che darà vita ad un polo produttivo di eccellenza per l’agroalimentare italiano, dedicato sia al mercato nazionale che a quello estero. Lo stabilimento rischiava la chiusura o un forte ridimensionamento per l'ipotesi di trasferimento di alcune produzioni. Al contrario, grazie all'intesa, ci sarà il mantenimento dell’attuale situazione occupazionale e il prosieguo del rapporto di lavoro di tutte le persone attive nello stabilimento di Sanguinetto con Menz&Gasser e, in prospettiva, potrebbero esserci ulteriori opportunità professionali.

L’accordo presentato oggi, giunto dopo l'elaborazione di un piano di rilancio durata oltre un anno, prevede l’acquisizione da parte di Menz&Gasser del sito produttivo attraverso una procedura di cessione di ramo d’azienda e l’ampliamento delle produzioni attraverso un contratto di fornitura di lungo periodo garantito da Unilever a Menz&Gasser, che prevede l’arrivo di nuove produzioni e garantisce il mantenimento sia dell’intero portafoglio di prodotti che dei volumi stabiliti per un periodo contrattuale di 8 anni, rinnovabili per ulteriori due anni.

"L'accordo tra Unilever e Menz&Gasser - ha commentato Elena Donazzan, assessore al lavoro della Regione Veneto, intervenuta alla presentazione - è il miglior esempio negli ultimi anni di alleanza strategica tra grandi imprese. Due multinazionali, una con la testa all’estero e un management anche italiano (Unilever), l’altra totalmente italiana di impresa familiare (Menz&Gasser), apparentemente molto diverse, hanno però capito che l’unione fa la forza".

Accanto alle attuali produzioni attive che includono i dadi in formato jelly (di cui lo stabilimento resta unico produttore al mondo), le confetture in vasetti, il dado in formato granulare e la linea risotteria, arriveranno nel 2020 anche la nuova linea produttiva legata al marchio Calvè (che è stata già annunciata da Unilever negli scorsi mesi all’interno dello stesso Piano di rilancio) e la nuova linea di zuppe disidratate Knorr vendute in Italia, ma attualmente confezionate in siti europei del Gruppo. A questo ampliamento garantito da Unilever, si sommeranno inoltre altri importanti investimenti da parte di Menz&Gasser attraverso l’installazione di linee di lavorazione, trasformazione e confezionamento di frutta congelata, di produzione di creme per il mondo retail e professionale e di produzione e confezionamento di nuovi prodotti salati.

“L’accordo di partnership presentato oggi e che Unilever ha messo a punto dopo un lavoro durato oltre un anno rappresenta un caso di eccellenza nel nostro Paese perché mette a sistema le potenzialità e i punti di forza di due aziende leader con l’obiettivo di valorizzare e rilanciare uno stabilimento dalla lunga storia in un’ottica di sviluppo economico e sociale sostenibile – ha affermato Gianfranco Chimirri, Direttore Risorse Umane Unilever Italia – L’agroalimentare è uno dei fiori all’occhiello dell’economia italiana e con Menz&Gasser abbiamo lavorato e lavoreremo perché Sanguinetto diventi un punto di riferimento assoluto in questo settore”.

“L’accordo con Unilever e gli importanti impegni che Menz&Gasser sta prendendo per i prossimi anni sono la testimonianza più diretta di quanto la nostra azienda creda nella possibilità non solo di valorizzare lo stabilimento, ma anche di dare vita ad un vero e proprio centro di eccellenza al servizio di tutto il settore agroalimentare italiano e del territorio veneto  – spiega Matthias Gasser, Amministratore Delegato di Menz&Gasser – Qualità, crescita costante, attenzione alle esigenze di un mercato in costante cambiamento sono caratteristiche fondamentali per la nostra azienda e Sanguinetto rappresenterà un importantissimo  strumento per mantenerle e migliorarle ulteriormente”.

Il progetto di lungo periodo prevede, inoltre, la creazione a Sanguinetto di un vero e proprio centro di ricerca&sviluppo, nonchè di attrazione di start-up e talenti nel settore agroalimentare e di innovative collaborazioni  con università e istituzioni, in un territorio con una particolare vocazione legata al mondo del food.

agu - 10060

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili