Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

L'Accademia nazionale di agricoltura forma agricoltori camerunensi

Contribuendo alla nascita di una nuova generazione di giovani imprenditori agricoli

Presentati presso la sede del Cubiculum Artistarum del Palazzo dell’Archiginnasio di Bologna i risultati del “Progetto New Generation” a cura del Prof. Giorgio Cantelli Forti, Presidente Accademia Nazionale di Agricoltura, della Dott.ssa Ester Edwige Nkolo Lekoua, Console Onorario del Camerun, del Dott. Simon Pierre Ntomb Ngue, Segretario Generale  A.S.I.CA., del Dott. Doriano Ponzi, Vice Presidente  A.S.I.CA. e del Prof. Moreno Toselli, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari Università di Bologna. L’obiettivo del progetto “New Generation” è fornire un aiuto concreto ai giovani agricoltori camerunensi nella produzione quali-quantitativa del cacao, la risorsa agricola più importante del Paese, permettendo loro di poter lavorare in autonomia, sviluppare l’economia camerunense e relazionarsi con il mondo del mercato internazionale del cacao e successivamente del caffè. 

Promosso dalla C.I.C.C (Cocoa and Coffee Interprofessional Council) e sostenuto da Accademia Nazionale di Agricoltura, Consolato Onorario del Camerun di Milano, Università di Bologna e A.S.I.CA. (Associazione per gli Scambi Italia-Camerun), il progetto "New Generation", organizza corsi triennali di formazione per i giovani dei villaggi rurali ai quali, al termine degli studi, vengono assegnati dallo Stato un minimo di 5 ettari di terreno per la realizzazione delle loro piantagioni. Per i primi tre anni, ogni assegnatario deve piantare almeno un ettaro di cacao o caffè ogni annoI diplomati della scuola agraria sono annualmente circa 300 giovani che diventano piccoli imprenditori agricoli e che oggi hanno la necessità di coordinarsi in un valido sistema cooperativo, migliorare e qualificare la produzione ed organizzare la commercializzazione. Il progetto ha bisogno di accompagnamento non solo a livello scientifico ma anche a livello economico e logistico con la fornitura del materiale inerente all’efficienza del progetto. Attualmente  700 giovani, sia maschi che femmine, sono in formazione nei diversi villaggi. Considerando il contesto dell’Africa la presenza femminile nella gestione delle aziende agricole è di fondamentale importanza in quanto consente una loro indipendenza economica che ha una forte influenza sulla parità e sviluppo sociale.

Oggi in Camerun il sistema agricolo contribuisce al 25% del PIL nazionale e, nonostante assorba circa il 50% della popolazione, i giovani tendono a migrare verso le città o all’estero in cerca di nuove opportunità di vita e lavorative. Il progetto “New Generation” vuole arginare l’annoso problema dell'abbandono delle piantagioni che, a causa dell’invecchiamento degli agricoltori (l’età media degli agricoltori camerunensi è di circa 60 anni) e della mancanza di adeguata formazione agricola e di mezzi, vengono lasciate ai loro eredi non più dediti all’agricoltura o emigrati. Di conseguenza le piantagioni vengono vendute o affittate ad aziende produttrici che si orientano verso coltivazioni intensive e spesso non autoctone. Viene in tal modo persa la tipologia del sistema agroforestale che ha caratterizzato, fino ad oggi, lo sviluppo dell’agricoltura famigliare del Camerun e anche la necessaria sostenibilità ambientale. Per quanto riguarda il settore del cacao, il governo ha l'obiettivo  di una produzione di 600.000 tonnellate nel 2020. A tal fine, il Ministro del Commercio organizza ogni anno una fiera di promozione del cacao con l’obiettivo di migliorarne i rendimenti. Un secondo obiettivo è quello di garantire che il cacao del Camerun ottenga il grado 1 nella classifica dei professionisti del marketing internazionale. Di conseguenza saranno monitorati gli itineranti tecnici pre- e post- raccolta coerenti con gli standard di qualità.

agu - 10367

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili