Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Dal Biofach/Vivaness i numeri del biologico mondiale

Prima della pandemia oltre 106 miliardi di Euro di fatturato

Prima della pandemia il biologico mondiale cresceva per fatturato, numero di aziende e superfici coltivate, facendo segnare un nuovo anno record per il settore. Lo dicono i numeri presentati dall’Istituto svizzero Fibl e da Ifoam (International Federation of Organic Agriculture Movements) in occasione di Biofach, la fiera internazionale del bio in corso a Norimberga, in forma digitale, fino al 19 febbraio. 

Nel rapporto The World of organic agriculture presentato e basato su dati 2019 (quindi nell’anno che ha preceduto il 2020 della pandemia), si registrano 106,4 miliardi di Euro di fatturato complessivo, con 3,1 milioni di produttori (in crescita del 13% in un anno) e 72,3 milioni di ettari coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica in tutto il mondo, anch’essi in aumento dell’1,6%. L’Australia è il primo paese al mondo per superficie coltivata bio, l’India per numero dei produttori mentre i primi tre mercati globali per vendite sono Stati Uniti (44,7 miliardi), Germania (12 miliardi) e Francia (11,3 miliardi).

L’Italia occupa una posizione di vertice e contribuisce alla crescita del mercato dell’Unione europea, che nel 2019 è aumentato dell’8% fino a 41,4 miliardi di Euro. Il nostro paese è il primo dell’Ue per numero di produttori con oltre 80.000 aziende, seguito nel continente da Turchia (74.000), Francia (47.000) e Spagna (42.000). L’Italia è inoltre il terzo paese in Europa per superfici coltivate (oltre 2 milioni di ettari), ma addirittura il quinto al mondo per mercato interno con 4,3 miliardi di Euro di vendite dopo Usa(44,7 mld), Germania (12 mld), Francia (11,3 mld) e Cina (8,5 mld). Forte anche il nostro export, che vale 2,6 miliardi di Euro.

hef - 17133

EFA News - European Food Agency
Collegate
Simili